L’analisi dopo i playoff: Milan e Genoa, avanti con sofferenza e orgoglio

Dopo un lungo mese di playoff e l’Europeo Under 17 in Irlanda chiuso dall’Italia al secondo posto, si entra dal prossimo fine settimana nel vivo della post season, con le migliori squadre della categoria che si contenderanno i 4 posti ambitissimi delle Finals, organizzate quest’anno a Cervia. Tutto posticipato rispetto ad U15 e 16, che vivranno il 3 giugno la giornata di sorteggi e ufficialità sulla logistica (campi e orari), mentre servirà aspettare fino a domenica 9 per avere i verdetti sulle magnifiche quattro del campionato U17.

 

Difficile immaginarsi sfide più intriganti e ricche di spunti di quelle che propone il calendario per le prossime due domeniche, a partire da Milan-Roma. Sarà la terza partita consecutiva al ‘Vismara’ per i rossoneri di mister Terni, che sono reduci dal doppio playoff vinto contro Empoli e Benevento. Nei giorni in cui il settore giovanile guidato da Beretta è sotto choc per la retrocessione della Primavera arrivata all’ultimo minuto dell’ultima giornata di campionato, è proprio la seconda squadra nell’ordine gerarchico del vivaio a dover tenere alto il nome del club. In questo senso le sfide vinte contro i toscani e i sanniti, con quattro gol segnati da quattro marcatori differenti ed un solo gol al passivo, hanno confermato la buona tenuta difensiva della squadra di Terni, che si presentava alla fase di spareggi con la terza miglior retroguardia di tutta la categoria; d’altronde anche in avanti sono emerse difficoltà, restando sulla falsariga della stagione regolare, già note, con la prima partita sbloccata solo ai supplementari e la seconda, contro il Benevento, ricca di occasioni anche piuttosto agevoli per aumentare il bottino di gol, sprecate però malamente. Ed il peggior reparto offensivo di tutte le qualificate alla post season – con soli 38 reti in 24 partite – rischia di essere il problema principale contro la scatenata Roma di mister Piccareta. Ma i motivi per sorridere e sperare in casa milanista non mancano e sono legati principalmente alla presenza di Colombo, trascinatore e bomber del gruppo nonostante una promozione a stagione in corso nella rosa della Primavera. Proprio il doppio impegno, tra allenamenti e partite, ha un po’ appesantito le gambe e la testa del centravanti – tra i profili più interessanti di tutto il panorama giovanile italiano – che dunque, pur scottato dalla delusione vissuta con i compagni più grandi, si appresta a poter tornare al 100% concentrato sulla sfida di riportare il Milan a competere per un Tricolore Under 17 che manca da 8 stagioni. Era il 2011 infatti quando, a Montepulciano, Cristante e Petagna (allora sotto età, con i classe 1994) contribuivano all’ultimo titolo nazionale conquistato in ordine di tempo dai rossoneri.

 

In sede di commento, dopo il secondo turno playoff, è doveroso analizzare quanto fatto vedere anche dal Genoa di mister Chiappino. Squadra capace di regolare all’ultimo minuto dei supplementari l’Hellas Verona e poi, nel match successivo, nel recupero dei tempi regolamentari la SPAL. Una qualificazione a dir poco sudata, contro le due principali sorprese della stagione per quanto di buono fatto vedere pur senza essere accreditate, a settembre, tra le compagini favorite per le posizioni di vetta. Una grande fatica, a livello fisico, racchiusa in pochi giorni e che per questo potrebbe diventare un punto a sfavore, nella doppia sfida all’Inter. In realtà, per quanto messo in mostra per tutta l’annata, i valori sembrano in questo caso più sbilanciati, con i nerazzurri che partono nettamente favoriti. La squadra di Chiappino se la giocherà sicuramente con le sue armi principali, emerse negli spareggi, ovvero la tenacia e la capacità di reggere la tensione anche quando il duello si fa duro. Aiutata da una retroguardia solida, come quella del Milan (26 reti incassate in regular season) e dalla capacità di trovare il gol con tanti singoli differenti. Pur avendo in Diakhate il proprio miglior marcatore, uomo partita anche contro la SPAL. Quel che è sicuro è che, come il Milan, anche il Genoa – dopo aver saltato un doppio ostacolo ravvicinato negli scorsi giorni – non ha intenzione di fermarsi. E da domenica sarà battaglia sportiva emozionante e da non perdere!

We are using cookies to give you the best experience. You can find out more about which cookies we are using or switch them off in privacy settings.
AcceptPrivacy Settings

  • Privacy Policy
  • Cookie strettamente necessari
  • Cookie di rilevamento di terze parti
  • Contenuto video

Privacy Policy

Questo sito utilizza cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito web da parte dei visitatori o per integrare funzionalità di terze parti nel sito (ad esempio, moduli per i commenti o icone di social network che consentono ai visitatori di condividere il contenuto del sito).

Questa sito raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi:

  • Contattare l’Utente
    Modulo d’iscrizione
    Dati Personali: email, nome, contatto telefonico
  • Statistica
    Statistiche di Aruba
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo

Puoi conoscere i dettagli consultando la nostra Privacy e Cookie Policy.

Cookie strettamente necessari

Questi cookie devono essere sempre attivati durante la navigazione del sito.

Cookie di rilevamento di terze parti

Questo sito Web utilizza Google Analytics/ Statistiche di Aruba per raccogliere informazioni anonime come il numero di visitatori del sito in un certo periodo di tempo e le pagine più popolari.

Mantenere abilitato questo cookie ci aiuta a migliorare il nostro sito web.

Contenuto video

Questo sito web utilizza il codice di incorporamento video da Youtube. Questo fornitore di servizi può raccogliere i dati da te per scopi di marketing.