Finale Under 17 A-B: Scudetto all’Inter con tripletta di un super Sebastiano Esposito. Roma sconfitta 3-1

Allo stadio Benelli di Ravenna l’Inter si laurea Campione d’Italia Under 17 Serie A-B battendo la Roma per 3-1 con una tripletta del gioiellino Sebastiano Esposito. Nerazzurri sempre in controllo e implacabili a trovare, nella ripresa, due reti in due minuti nel miglior momento, forse, degli avversari, vicinissimi al pareggio in due limpide occasioni firmate Ciervo. Per Esposito cinque gol in due partite in queste Final Four. Decisivo anche il rigore parato da Stankovic a tre minuti dal novantesimo. 

In avvio di match sono i nerazzurri a prendere subito in mano il pallino del gioco, aiutati anche da errori banali in fase di impostazione degli avversari. Dopo un corner regalato, è Esposito ad approfittare di un’altra disattenzione per presentarsi a tu-per-tu con Boer, ma con la conclusione in diagonale che incredibilmente finisce fuori. Al 5′ altra occasionissima per i ragazzi di Zanchetta: da calcio d’angolo Pirola sale in cielo e colpisce alla perfezione, ma Boer compie un autentico miracolo con una parata a una mano nell’angolino basso alla sua destra.

Passano i minuti ma la Roma, la palla, continua a vederla sui piedi degli avversari, dando l’impressione di subire una sorta di complesso di inferiorità, risultando lontana parente di quella squadra che ha battuto il Napoli in semifinale dominando i partenopei sul piano del palleggio. Per vedere Milanese e soci calpestare l’area di rigore avversaria, bisogna aspettare una ventina di minuti dal fischio d’inizio, ma il corner guadagnato si conclude con un nulla di fatto.

L’Inter si rende ancora pericolosa con due calci piazzati, uno dalla destra e uno dalla sinistra, tirati entrambi dallo specialista Esposito, e con un paio di contropiedi “stoppati” in extremis dai difensori giallorossi. Dopo tante occasioni sprecate, anche per pochi centimetri, qualcuno tra il pubblico inizia a temere che la porta sia stregata. A smentire la teoria ci pensa, ovviamente, Sebastiano Esposito, il più lesto di tutti a respingere in rete una corta respinta di Boer proprio pochi secondi prima di rientrare negli spogliatoi.

A inizio ripresa Piccareta effettua subito un doppio cambio: fuori Astrologo e Agostinelli e dentro Ciucci e Ciervo. Quest’ultimo, pescato tutto solo sulla destra, ha una giotta occasione dopo sette minuti, ma a negargli il pareggio è Stankovic con una uscita da autentico fuoriclasse quale è. Per l’Inter, i primi dieci, sono minuti sotto pressione e allora Zanchetta decide di gettare nella mischia il 2003 Gnonto per sfruttare la sua velocità nelle ripartenze. Ma la Roma è tutta un’altra squadra rispetto ai primi 45′ minuti e, ancora con Ciero, colpisce una clamorosa traversa con la palle che probabilmente rimbalza sulla linea e finisce poi lontana.

Pochi istanti più tardi sono invece i nerazzurri a sfiorare il raddoppio con Esposito che guadagna il fondo con un paio di numeri in rapida successione, assist al centro per Cester che tira a botta sicura ma deve fare i conti con l’ennesimo prodigioso intervento del numero 1 giallorosso. Al 68′, però, il 2-0 si materializza davvero. Gnonto fugge sulla sinistra, gran tiro in diagonale, Boer respinge due volte ma alla fine arriva il solito Esposito che di destro centra il bersaglio. La Roma, questa volta, accusa il colpo e neanche due minuti dopo atterra in area proprio il gioiellino nerazzurro che dal dischetto fa tripletta. Di cucchiaio!

Negli ultimi venti minuti la Roma cerca almeno il gol della bandiera e lo trova all’82’ con un tiro di Ciervo deviato in rete di testa da un difensore nerazzurro. Ma non è finita, arriva anche un rigore cinque minuti dopo: gran tiro di Cancellieri e strepitosa parata di Stankovic con papà Dejan che esulta in tribuna insieme a tutti gli altri familiari e tifosi dell’Inter al seguito. Finisce qui, finisce 3-1. Lo scudetto passa dalle maglie giallorosse a quelle nerazzurre.

ROMA-INTER 1-3

ROMA: Boer (90′ Trovato), Tomassini (82′ Muteba), Suffer, Tripi, Buttaro, Astrologo (46′ Ciucci), Cancellieri, Bove, Agostinelli (46′ Ciervo), Milanese (72′ Tueto Fotso), Zalewski. A disposizione: Morichelli, Aglietti, Carlucci, Travaglini. All. Piccareta.

INTER: Stankovic, Moretti, Dimarco, Squizzato, Cortinovis (84′ Alcides Dias), Pirola, Cester (84′ Casadei), Mirarchi, Esposito, Oristanio (67′ Simic), Bonfanti (55′ Gnonto). A disposizione: Tononi, Alcides Dias, Sottini, Wieser, Sangalli, Casadei, Sakho. All. Zanchetta.

MARCATORI: 45′, 68′ e 70′ Esposito (I), 82′ autogol Pirola (I)
NOTE: Ammoniti Cancellieri (R), Squizzato (I), Buttaro (R). All’87’ Stankovic (I) para un rigore a Cancellieri (R)

 

ANDREA ZANCHETTA – Allenatore Inter Under 17
“Sono contento e soddisfatto perché abbiamo vinto contro una squadra forte. Verso la fine abbiamo sofferto un po’, ma per un’ora siamo stati padroni del gioco. I miei ragazzi meriterebbero la prima squadra? Noi preferiamo tenere tutti con i piedi per terra, nonostante la qualità di questo gruppo sia altissima. Quando Esposito ha debuttato in Serie A, per noi del settore giovanile, per tutti gli allenatori che lo hanno allenato, è stata una gioia immensa. Una gioia che speriamo di rivivere con lui e con altri suoi compagni”.

FABRIZIO PICCARETA – Allenatore Roma Under 17
“Abbiamo completamente regalato un tempo per un problema fondamentalmente mentale. I ragazzi erano in preda a un’ansia che ha appesantito gambe e testa. Se siamo andati all’intervallo sotto di un solo gol, il merito è stato tutto del nostro portiere. Negli spogliatoi ho chiesto loro di liberarsi mentalmente, di giocarsela senza tornare a casa con il rimpianto di non averci neanche provato. Dispiace perché nel nostro miglior momento loro hanno fatto due gol in due minuti. Ma questo perché l’Inter è una squadra davvero fortissima e in tutta onestà ha meritato di vincere”.

We are using cookies to give you the best experience. You can find out more about which cookies we are using or switch them off in privacy settings.
AcceptPrivacy Settings

  • Privacy Policy
  • Cookie strettamente necessari
  • Cookie di rilevamento di terze parti
  • Contenuto video

Privacy Policy

Questo sito utilizza cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito web da parte dei visitatori o per integrare funzionalità di terze parti nel sito (ad esempio, moduli per i commenti o icone di social network che consentono ai visitatori di condividere il contenuto del sito).

Questa sito raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi:

  • Contattare l’Utente
    Modulo d’iscrizione
    Dati Personali: email, nome, contatto telefonico
  • Statistica
    Statistiche di Aruba
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo

Puoi conoscere i dettagli consultando la nostra Privacy e Cookie Policy.

Cookie strettamente necessari

Questi cookie devono essere sempre attivati durante la navigazione del sito.

Cookie di rilevamento di terze parti

Questo sito Web utilizza Google Analytics/ Statistiche di Aruba per raccogliere informazioni anonime come il numero di visitatori del sito in un certo periodo di tempo e le pagine più popolari.

Mantenere abilitato questo cookie ci aiuta a migliorare il nostro sito web.

Contenuto video

Questo sito web utilizza il codice di incorporamento video da Youtube. Questo fornitore di servizi può raccogliere i dati da te per scopi di marketing.