Final Four Under 17 A-B: il focus su Inter, Atalanta, Roma e Napoli

Giornate intense, di finali, di partite da dentro o fuori, in terra romagnola. Analizziamo allora come arrivano alle semifinali-Scudetto le magnifiche 4 del campionato Under 17 A e B.

 

INTER

La squadra di mister Zanchetta, spinta anche da un albo d’oro della categoria che – unendo i vari campionati e considerando quelli che prima della riforma dei campionati erano gli Allievi Nazionali – la vede in vetta (assieme alla Roma) per titoli vinti, si presenta al confronto con l’Atalanta con tante ambizioni di Tricolore. Dopo la finalissima Primavera, guarda caso proprio tra Inter e Atalanta, i nerazzurri milanesi ritroveranno Sebastiano Esposito, probabilmente il miglior prospetto classe 2002 di tutto il calcio italiano. E che ha segnato, sotto età, anche nella semifinale Primavera contro la Roma. Ma l’Inter Under 17 è anche molto altro: difesa imperniata su Pirola, un centrale di fisico e affidabilità; centrocampo tenace e tecnico, con il mediano Squizzato e il trequartista Oristanio a brillare di luce propria, superati nel corso dei mesi i rispettivi infortuni e lasciati alle spalle periodi piuttosto lunghi di inattività; attacco che, oltre a Esposito, può vantare un centravanti quale Bonfanti (anche lui nazionale azzurro) e all’occorrenza un classe 2003 – Gnonto – capace di segnare tre gol nel quarto di finale di ritorno contro il Genoa… Insomma, per completezza e profondità della rosa, è l’Inter la favorita alla vittoria finale.

 

ATALANTA

I nerazzurri bergamaschi però, sono solo un gradino sotto agli avversari. Differenze che, in una partita secca, come ovvio si riducono ancor di più. Se l’Inter aspetta Esposito, l’Atalanta segue con attenzione le mosse di Traorè, altrettanto talentuoso e capace di mettersi in mostra con la Primavera. Il giovane ivoriano accenderà questa semifinale rendendola quasi una finale anticipata; anche perchè l’Atalanta di mister Bosi (e dell’attuale allenatore della Primavera, Brambilla, prima di lui) ha centrato per 3 volte consecutive l’ultimo atto del campionato Under 17, vincendo nel 2016 e poi cedendo il passo a Inter e Roma nel 2017 e 2018. E si può dire che di finali-Scudetto se ne intende! Se l’Inter ha una colonna portante decisamente “italiana”, molto più multietnica è la compagine atalantina, pur mantenendo un cuore nostrano, in particolare grazie al capitano Panada, leader (sempre con fascia al braccio) anche in nazionale.

ROMA

Stando ai numeri, sarebbe la squadra di Piccareta quella in pole position assoluta: valanghe di gol segnati – siamo sui 130 in 26 partite, da mal di testa per gli avversari – e match vinti, in un’annata in cui però ha trovato avversari forse troppo distanti dal suo livello. I talenti non mancano nemmeno ai giallorossi, che possono schierare in mezzo al campo una mezzala ed un trequartista di livello importante, come Bove e Milanese. Ed ha in Cancellieri e Agostinelli due bocche da fuoco non indifferenti, capaci di concretizzare un buon gioco a livello di collettivo. Il fattore-orgoglio, con la voglia di difendere il Tricolore cucito sul petto e conquistato 12 mesi fa dai colleghi classe 2001, è poi una spinta psicologica in più. Per quella che sembra essere, sulla carta, la favorita nella semifinale che la oppone al Napoli.

 

NAPOLI

Ecco, gli azzurri, per concludere: squadra quadrata, molto solida dietro, che ha strappato con i denti la qualificazione nei quarti di finale alla Fiorentina. Doppio 1-0, all’andata per i viola e al ritorno per i partenopei, premiata alla fine dalla miglior classifica durante la stagione regolare. Due punti pesantissimi di differenza sui toscani, che regalano a Cioffi e compagni la possibilità di sognare un colpaccio di inizio estate: il miglior marcatore del Napoli sarà uno dei pericoli principali per la Roma, anche se andrà ricercata nella forza difensiva (miglior retroguardia in assoluto della categoria, quella napoletana) la risposta alle domande residue sulla capacità di stupire del gruppo di mister Carnevale. Vedere il Napoli qualificato per l’ultimo atto di Ravenna, sicuramente, sarebbe una piacevole sorpresa, perchè per quanto fatto durante l’annata è certamente la Roma ad approcciare da favorita questo match.

We are using cookies to give you the best experience. You can find out more about which cookies we are using or switch them off in privacy settings.
AcceptPrivacy Settings

  • Privacy Policy
  • Cookie strettamente necessari
  • Cookie di rilevamento di terze parti
  • Contenuto video

Privacy Policy

Questo sito utilizza cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito web da parte dei visitatori o per integrare funzionalità di terze parti nel sito (ad esempio, moduli per i commenti o icone di social network che consentono ai visitatori di condividere il contenuto del sito).

Questa sito raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi:

  • Contattare l’Utente
    Modulo d’iscrizione
    Dati Personali: email, nome, contatto telefonico
  • Statistica
    Statistiche di Aruba
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo

Puoi conoscere i dettagli consultando la nostra Privacy e Cookie Policy.

Cookie strettamente necessari

Questi cookie devono essere sempre attivati durante la navigazione del sito.

Cookie di rilevamento di terze parti

Questo sito Web utilizza Google Analytics/ Statistiche di Aruba per raccogliere informazioni anonime come il numero di visitatori del sito in un certo periodo di tempo e le pagine più popolari.

Mantenere abilitato questo cookie ci aiuta a migliorare il nostro sito web.

Contenuto video

Questo sito web utilizza il codice di incorporamento video da Youtube. Questo fornitore di servizi può raccogliere i dati da te per scopi di marketing.